Ultimo aggiornamento 22 Aprile 2017 ore 22:00
 
Totale Valvole Radioniche installate N° 10
 
Sottopagine:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 Tutte le mie foto sono  usabili, vi chiedo solo di citarne la fonte, quelle con a fianco (HQ)  sono scaricabili in alta definizione.
 
   
Comparazione delle Valvole Antisismiche note, principi di  Radionica applicati alle Valvole e costruzione di una sui postulati della Radionica.

Da ottobre 2016 a marzo 2017 sono state installate altre tre Valvole silenziatrici sismiche rispettivamente  a Forcella di Colfiorito, a Città di Castello ed infine a Civitaquana. Scoperto che le Radioniche assorbono anche le energie psichiche negative degli esseri viventi che subiscono traumi durante i sismi. Pertanto, onde evitare problemi di saturazione, serve disimpregnare i dispositivi periodicamente. Scoperto l'INDICE DI SATURAZIONE SISMICA utile a capire se una zona necessita della valvola e una volta posata quanto funziona.

 

Le valvole Antisismiche non eliminano tutti i terremoti ma sfogando l'energia di accumulo, li silenziano. Per i scivolamenti di faglia, crolli naturali e indotti dall'uomo non servono.

Necessita ricordare sempre che quando operiamo con metodi vibrazionali non eseguiamo metodi geologici che solo chi abilitato dallo Stato può svolgere, ma interagiamo solo con la componente sottile della Terra e non con quella fisica, pertanto i risultati saranno gli effetti dell'interazione che la componente sottile avrà sul piano fisico terrestre, con tempi di risposta lunghi, sempre che il territorio sia consenziente e tutto ciò non interferisca col proprio Karma. I risultati così ottenuti non possono in alcun modo sostituirsi alle avvertenza della Protezione Civile o omettere di adeguarsi alle leggi sismiche emanate.

 

 

Vai alla pagina

 

 

Vai alla pagina

 

 

Leggi di seguito

 

Tra gli apparati prodotti dal "Centro Internazionale Studi Magnetici" di Pier Luigi Ighina, troviamo il dispositivo per neutralizzare i terremoti chiamato volgarmente "La Valvola Antisismica". Ighina, che visse tra il 1908 e il 2004, ebbe la fortuna di frequentare per 10 anni Guglielmo Marconi e da lui ricevette le informazioni per la costruzione della Valvola Antisismica. Infatti, il dispositivo, si rifà ai classici circuiti oscillanti presenti nelle radio: uno o più conduttori a terra, una bobina con l'antenna in sommità e una capacità. Nella foto un documento ufficiale con il dispositivo in funzione installato nel giardino di Ighina a Imola (BO)
 

Mio filmato con le spiegazioni per la costruzione di una valvola con l'aggiunta di filmati inediti ripresi  durante le prove, potete vederlo dal riquadro a fianco premendo sulla freccia o direttamente  su YouTube

Nota bene:
La foto per costruire il dispositivo radionico è cambiata!

Ighina, sperimentatore indipendente e autodidatta,  si dedicò allo studio del magnetismo e costruì macchinari per il benessere dell'umanità, senza essere mai capito e preso sul serio. Diceva tutto pulsa e l'incontro delle pulsazioni positive con le negative genera il mondo a noi noto. Propose  teorie controcorrente per spiegare i fenomeni fisici. Sosteneva che la terra non ruota attorno al sole. Un suo collaboratore fu Alberto Tavanti faentino che ha raccolto le memorie di Ighina nel libro "Pier Luigi Ighina profeta sconosciuto".

 Poco avvezzo agli studi ufficiali diceva di sé " Mi chiamano il mago della pioggia perché riesco a catturare le nuvole della pioggia e a respingerle. Molti ridono di me e mi danno del pazzo, ma quando sulla nostra regione non piove per molti mesi, si rivolgono a me come un salvatore". Era convinto di avere il compito di accogliere degnamente gli extraterrestri.
Guarda i suoi video
Il laboratorio di Ighina a Imola (BO) era caratterizzato da tre costanti fondamentali: Pulsazioni, Colori e Spirali.  Realizzò molti dispositivi tra cui il generatore di energia magnetica per far piovere o allontanare le nubi, l'Elios, la rosa dei sistemi solari, lo scivolo magnetico, l'apparato per l'elettrolisi magnetica, l'E.R.I.M. la macchina per i manopoli magnetici, il tubo magnetico, il giroscopio emettitore, lo specchio magnetico, il perforatore ritmico magnetico solare, il  lenticolare ritmico magnetico solare, la poltrona magnetica e divulgò l'atomo magnetico, la cui pulsazione era causata dal ritmo sole e terra che fotografò col suo microscopio elettronico.
(HQ) Ecco la foto del reperto della Valvola Antisismica originale di ighina, donata da Ighina a Fabio Saccomani del "Gruppo Valvola Pier Luigi Ighina" e che ho avuto modo di vedere dopo la nuova posa del 2 giugno 2012 a Spinea in  V.Pugliese 20 presso l'Ass. Ponte di luce. 

 

 

La domanda legittima che sorge spontanea è: "Perché questo dispositivo dovrebbe neutralizzare i terremoti?" Ascoltiamo cosa Ighina ci dice al proposito. Guarda anche su YouTube

Ighina che mostra una foto di un giornale del 2 gennaio 1996 dove si vede che il terremoto del 31/12/1985 ha saltato Imola. Si ipotizza che la Valvola Antisismica non neutralizzi i terremoti ma li sposti fuori dal suo raggio di protezione. Alcuni sostengono anche che non sia adatta per tutti i tipi di terremoto tirando in causa la natura scatenante degli stessi.
Le Valvole Antisismiche non eliminano tutti i terremoti ma li riducono di molto!
Essendo Perito in telecomunicazioni la prima cosa che mi viene in mente sulla Valvola è che siamo in presenza di un oscillatore come quello presente nelle radio (bobina, condensatore, terra e antenna) poi con le conoscenze di Radionica assocerei il dispositivo a quelli del famoso Lakhovsky
Osservando meglio il verso della spirale lo assocerei  al più moderno dispositivo Radionico dell'amico Galvani l'Oscillak-Uni atto a proteggere ed equilibrare gli ambienti domestici e le persone, evoluzione dei dispositivi di Lakhovsky.
Ancora ci vedo la stessa spirale nel cerchio apparso a Bertinoro rinvenuto la stessa mattina del terremoto Emiliano del 20 maggio 2012 (Coincidenza non da poco)
E ancora la stessa spirale la ritroviamo nel cerchio apparso post terremoto Emiliano a Fabbrico proprio nel cuore del sisma (altra coincidenza non di poco conto)
In base ai miei studi sulla medicina tradizionale cinese mi viene da associare la Valvola ad un'agopuntura sul terreno.

Ancora ad un riequilibrio dell'energia congesta come si effettua con lo Shiatsu sulle persone.

 

 

Oppure all'azione energetica della Moxabustione

 

La terra e percorsa da canali energetici, come le persone, e posizionandoci su particolari punti possiamo esercitare un'azione di riequilibrio o ottenere benessere. Gli antichi da sempre sapevano ciò e hanno eretto Menir e Dolmen in punti particolari al fine di proteggersi dai terremoti, infatti ancora oggi in quelle zone non vengono avvertiti.

Credo che possiamo dar credito a Ighini su molti dei suoi dispositivi. Inconsapevolmente ha fatto parte della schiera di quei personaggi scienziati e non,comunque illuminati. Ovvero persone che ascoltando le voci interiori o facendo sogni lucidi, hanno visto o sentito progetti che hanno cambiato le sorti dell'umanità. Lo stesso Tesla dichiarò che vedeva i suoi progetti all'improvviso e doveva utilizzare la materia in suo possesso nel momento, per ricordarsi il tutto utilizzando sabbia o terra e una verga per disegnare.

Il terremoto è l'effetto che avvertiamo quando nella crosta terrestre si liberano improvvisamente fortissime energie che nel tempo si sono accumulate. Il nostro studioso faentino Bendandi ha dimostrato che riusciva a prevederli e non essendo della casta gli fu impedito di diffondere le sue previsioni. Sosteneva che il sole i pianeti e la luna determinavano il momento e la zona dove viene stimolato lo scarico energetico. Le Macchie Solari e i Flares (brillamenti) sparano sulla terra enormi masse di energia plasmatica. Per Ighina queste onde plasmatiche solari inducono, nel sole centrale della terra, la generazione di nuovo plasma che incontrando la crosta terrestre innesca i terremoti.

Gli effetti di un terremoto non sono direttamente proporzionali all'energia liberata nell'ipocentro, a diversi km sotto la superficie, e misurata con i parametri della scala Richter, in quanto la natura geologica del terreno e la profondità ne modificano i valori percepiti in termini di accelerazione al suolo nelle tre dimensioni. Il terremoto 2012 nel Ferrarese è stato fortemente amplificato dalla natura sedimentosa del sottosuolo. In un primo momento si è pensato di dimostrare l'efficacia delle valvole installate utilizzando dei sismografi posizionati nelle vicinanze, poi si è visto che le testimonianze dirette potevano essere le più veritiere.

Poco prima e durante i terremoti di forte intensità, appaiono luci misteriose, probabilmente causate dalla fortissima pressione che si genera negli strati dell'ipocentro. Gli scienziati hanno misurato forti cali di resistività del terreno, formazione di intensi campi elettrici con emissione di onde elettromagnetiche e rumori a bassa frequenza comprese tra i 0,01 Hz e i 32 Hz. Guarda i video di alcune luci misteriose. Anche Voyager ha trattato l'argomento. Certamente questi fenomeni elettrici e magnetici interagiscono con la Valvola Antisismica. Può la Valvola neutralizzare o attenuare i terremoti?

Come avete capito io credo nei dispositivi ideati da Ighina. Lui stesso ha detto che ha nascosto in quelle forme l'essenzialità del dispositivo, perché le persone faticano a credere ed ad aver fede e quindi ha modellato i suoi congegni in modo che fossero credibili dai più. Tale concetto lo ritrovo anche nella Radionica dove uomini della casta medica chiedono ai costruttori di questi dispositivi la presenza di manopole o computer per esercitare a distanza la Radionica, e aggiungo a causa della loro poca fede. Questa arte antica è esercibile da ogni operatore semplicemente con un modesto foglio di carta dove si esplica in maniera esoterica l'intento e la propria fede per il benessere dell'altro.

Detto ciò, e considerando le valvole dispositivi magnetici ed energetici, analizzerò le varie valvole antisismiche con gli strumenti della Radiestesia, unico metodo al momento in mio possesso in grado di verificare e comparare le specifiche tecniche.

La Radiestesia utilizza dei testimoni per effettuare misure e ricerche. Anche non possedendo l'oggetto di analisi, ma una sua foto, è possibile effettuare qualsiasi misura sul testimone come se si effettuassero le misure sull'oggetto da analizzare. Sono state ideate macchine in grado di fotografare gli organi interni di una persona utilizzando una goccia di sangue della persona e la persona distava migliaia di km dal luogo di analisi. Nel nostro caso possedendo una foto della Valvola Antisismica possiamo effettuare delle misure sui parametri di funzionamento della Valvola. più la qualità della foto è migliore, ovvero quanti più fotoni hanno impressionato la foto più il testimone è attendibile. Ovviamente i risultati sono maggiormente attendibili in base alle condizioni di preparazione dell'operatore e dall'eliminazione di sorgenti disturbanti.

Unità di misura e note:
Bovis: valore energetico misurato, 6500 Bovis valore neutro minore di 6500 non salutare verso ultravioletto le radiazioni ionizzanti, maggiore di 6500 salutare verso infrarosso e basse frequenze.
Quando la Valvola funziona emette radiazioni insalubri che a lungo andare possono portare patologie irreversibili, pertanto viene definita una distanza di sicurezza. Ciò avviene solo se la Valvola è conficcata nel terreno diversamente emette solo onde di forma utili.
Ogni installazione di Valvola può essere più o meno efficiente pertanto definisco in % il suo rendimento.

Un collega audiofilo mi ha segnalato che nel suo secondo album Pollution di Francesco Battiato, all'interno del vinile vi era un libretto dove Battiato elogiava gli esperimenti di Pierluigi Ighina. Ora nella versione in cd non viene più pubblicato.

Le Valvole Antisismiche non eliminano tutti i terremoti ma li riducono di molto!

Foto di analisi:
Fotogramma della Valvala Antisismica costruita da Ighina e installata presso la sua abitazione.

Emette:
4,5 MilioniBovis

Raggio azione:
33 Km (diametro di azione 66) per Ighina era di 72 km

Distanza sicurezza:
9,5 mt

Rendimento costruttivo:
80%

(HQ) Foto di analisi:
Fotogramma dei resti della Valvala Antisismica costruita da Ighina e installata a Spinea in  V.Pugliese 20 presso l'Ass. Ponte di luce. 

Emette:
0,95 MilioniBovis

Raggio azione:
1,1 Km

Distanza sicurezza:
6,0 mt

Rendimento costruttivo:
03%

Il gruppo Valvola Pier Luigi ighina ha effettuato una termografia della Valvola durante una nottata con zero gradi e si vedono delle anomalie di temperatura tra il sostegno centrale e la spirale. Tali variazioni in un dispositivo apparentemente passivo sono inspiegabili se non ipotizzando un suo attivo funzionamento.

Altra anomalia, una persona fotografata mentre transita davanti alla Valvola diventa quasi  invisibile per la fotocamera.

Altra anomalia in prossimità del cono terminale che alloggia l'Orgonite. Si vedono dei filamenti in movimento come stimolati da un campo magnetico.

Altra anomalia in prossimità della valvola, si genera una forte Geopatia con valori in Bovis inferiori a 1500. Tale condizione obbliga le persone a non stare per troppo tempo vicino ad essa pena l'insorgenza di effetti degenerativi.

La conoscenza scientifica progredisce grazie allo studio delle anomalie prima trascurate. Vi consiglio di leggere questi 2 libri, nel primo Pizzuti sviluppa la tesi che nel vuoto vi è una fonte inesauribile di energia e nel secondo i maestri del lontano oriente spiegano come si creano i miracoli interagendo col vuoto con fede e velocità.

Foto di analisi:
Questa Valvola Antisismica modello Va2011 e installata a Errano frazione di Faenza l'unica commercializzata. 

Emette:
6 MilioniBovis


sulla cupola quando la Valvola è interrata 1500 Bovis

Raggio azione:
5,5 Km

Distanza sicurezza:
6,25 mt

Rendimento costruttivo:
60%

Dimensioni:
Altezza 1,05 mt totale dal suolo, altezza 16cm 1° spira poi 80 sino ad apice + 9 ricciolo.
Diametro 1°spirale circa 80 cm cerchi del palo centrale 40 29 15cm tubi spirali da 0.5 cm

Nota bene:
La foto di questa valvola non è più utilizzata per costruire il dispositivo radionico!

Ho analizzato con una bachetta Radiestesica la foto della valvola Va2011 constatando che salendo dalla base le oscillazioni sono da piccole sempre più ampie sino a quando alla sommità si innesca una rotazione continua e veloce in senso destrogiro. Ciò dimostra una forte produzione di Onde di Forma.

I versi di rotazione dipendono anche dall'operatore che, potendo invertire la sua polarità per fattori esterni, interagisce di conseguenza con gli strumenti.

Analizzando l'immagine con un biotensore si è visto che per i primi 4 cerchi ruota destrogiro poi per gli altri 3 sinistrogiro. Percorrendo i raggi da fuori verso il centro con una bachetta  cambia verso in sommità per tutti i colori ad eccezione del raggio giallo e verde dove cambia sulla circonferenza esterna. Questo denota un disequilibrio energetico su questa valvola.

(HQ) Foto di analisi:
Realizzata da Giacomo e installata vicino a Domodossola. 

Emette:
750 MilaBovis

Raggio azione:
1,15 Km

Distanza sicurezza:
5,5 mt

Rendimento costruttivo:
18%

 

(HQ) Foto di analisi:
Commissionata da Adriana Chirila e installata il 2/6/2012 sul terreno di Giuseppe   a Reggio Calabria (città)

Emette:
3,2 MilioniBovis

Raggio azione:
28 Km

Distanza sicurezza:
19,5 mt

Rendimento costruttivo:
75%

 

(HQ) Al momento, tra le  valvola antisismiche fisiche, quella di Reggio Calabria ha il  raggio di copertura più alto. In questa foto l'inizio della spirale parte dal centro, provocando una diminuzione del raggio di protezione a 24 Km

Altezza:
circa 3mt

 

Foto di analisi:
Dal sito  Ritmomagnetico installazione Amici Emiliani 

Emette:
1,5 MilioniBovis

Raggio azione:
9 Km

Distanza sicurezza:
8 mt

Rendimento costruttivo:
55%

 

(HQ) Vista dall'alto della valvola posizionata in Emilia. Dal mese di Marzo questa foto è utilizzata per i miei dispositivi Radionici, ecco le specifiche per una foto plastificata 94x94 cm posizionata a terra:

Raggio di copertura:
4,2 km

Distanza di sicurezza:
9 mt

Massima attenuazione
onde sismiche:
20 km sotto 2,1 gradi Righter

 

 

(HQ) Ecco le specifiche, teoriche, di funzionamento del dispositivo ad una foto Emiliana. Il raggio di protezione è di 4,2 km. A valvola attivata, il terreno vibra a 1200 Bovis, pertanto serve stare ad una distanza di sicurezza di 9 mt. L'energia di un terremoto che si genera, sotto la valvola a 20 km di profondità, sarà attenuata di 1000 volte. Non male!

A maggio 2013 le valvole antisismiche a me note sul territorio italiano.

 

 

Guarda il video dove sono ospite nella trasmissione "A Tambur Battente"  che ho messo su YouTube

 

 

 

Nota bene:
La foto per costruire il dispositivo Radionico è cambiata!

 

Visitate la pagina con tutti i progetti che ho trovato e le indicazioni per realizzarne una con i criteri della radiestesia.

Basta recarsi da un centro copie con questa foto.

Attenzione, quando entra in funzione emette radiazioni pericolose a 1500Bovis

(HQ) Dopo ciò che vi ho esposto e motivato, potete realizzare anche voi una copia abbastanza fedele e funzionante della Valvola Antisismica simile a quella degli amici Emiliani al costo di 25 Euro.
Stampate a colori su un foglio 100x100cm l'immagine a fianco facendo attenzione di scaricare l'originale in alta qualità, poi plastificate il tutto contro le intemperie.

(HQ) Cercate un posto a contatto col terreno con poca erba, orientate l'immagine al Nord magnetico di una bussola facendo in modo che sia nella direzione tra l'arancione e il giallo della valvola. Ponete un cartello di avvertenze se il luogo potrebbe essere frequentato in quanto è pericoloso sostare nei pressi.

(HQ) Ecco come ho allestito la mia prima postazione antisismica con la parte radiante al centro, un perimetro di sicurezza a 6 mt di distanza e un cartello con le avvertenze.

 Per tenere ferma la Valvola Antisismica Radionica, ho utilizzato quattro blocchi per marciapiede, in questo modo non vola via, è possibile, in alternativa,  posizionare nella plastica degli occhielli per fissare il tutto con dei picchetti. La bussola è usata inizialmente per orientare il tutto correttamente.

Questa installazione ha una copertura di 3,5 Km di raggio ovvero 7 Km di diametro. Posso assicurarvi che funziona al 65% come quella posta in V.Errano, ma costa 72 volte di meno. Cosa diversa è accertare che la Valvola antisismica di Ighina neutralizzi i terremoti. Alcuni studiosi affermano che non copre tutti i tipi di terremoto.

(HQ) Ecco le specifiche, teoriche, di funzionamento del dispositivo ad una foto Emiliana. Il raggio di protezione è di 4,2 km. A valvola attivata, il terreno vibra a 1200 Bovis, pertanto serve stare ad una distanza di sicurezza di 9 mt. L'energia di un terremoto che si genera, sotto la valvola a 20 km di profondità, sarà attenuata di 1000 volte. Non male!

Le amministrazioni pubbliche potrebbero inserire questo dispositivo al centro di una rotonda stradale, possono stampare la foto su un unico blocco di ceramica e creare un piccolo monumento a ricordo del grande Pier Luigi Ighina. Con la crisi attuale la foto basta, comunque è una buona assicurazione per tutti i cittadini.

Le Valvole Antisismiche non eliminano tutti i terremoti ma li riducono di molto!

A maggio del 2013 mi è stato chiesto di tenere una conferenza a S.Cesario sul Panaro nell'ambito della manifestazione "Nuovi Mondi" per il 9 giugno successivo e così ho ripreso le ricerche sulla Valvola per ottenere un dispositivo con un rendimento maggiore.

(HQ) Serve chiarire quali energie sono in azione durante i terremoti. La scala Righter tiene conto dell'equivalente energetico emesso in Tonnellate di tritolo equivalente. Un aumento o diminuzione di un grado Righter equivale a 31.6 volte di energia equivalente in meno. A sua volta la distanza dal ipocentro e il tipo di terreno infrapposto ne modificano enormemente la percezione a parità di valore.

Avvertenze!

(HQ) Ho comparato il grado di attenuazione in magnitudo della valvola originale  Va2011 e la sua foto testimone che agisce per via radionica (quella a 25 Euro). Per la Va2011 non si generano terremoti sino a 5.5 km mentre x la Radionica a 3.5 Per terremoti generati sotto sino a 15 km la Radionica attenua di più poi la Va2011 è molto più forte della Radionica nell'attenuare le onde sismiche laterali.

Come fare per aumentare l'azione della Radionica?
Potevo agire con una foto di una valvola con potere di raggio maggiore, ma era difficile poterla fotografare per la riservatezza dei proprietari.
A livello di stampa non si poteva andare oltre ad un metro di diametro e la plastificazione ne riduce l'efficienza ad un 60%
Volendo proteggere una città come Modena, servivano più foto distanziate di 7 km in quanto ogni foto raggiunge un raggio di protezione di solo 3.5 km, per una città come Bologna ne servivano ben 7 posizionate esagonalmente, con tutti i problemi dei siti di posizionamento.
Inoltre come fare per neutralizzare l'accumolo di energia a profondità superiore a 3.5 Km?

Volendo proteggere un'area come quella dove ha avuto origine lo sciame scismico emiliano del 19 maggio 2012 si deve intervenire con un dispositivo di protezione con almeno un raggio di 25 Km.

In quel periodo la Provvidenza mi aveva permesso di acquisire nuove conoscenze sulla Radionica Tridimensionale, tramite un corso che ho frequentato con Tiziano Guerzoni presso il centro Modena Olistica. Spire sovrapposte amplificano le proprietà di una singola spirale e così ho incominciato a lavorarci sopra...

Il primo esperimento è stato fatto con 3 foto, di un metro di lato, della Valvola Radionica sovrapposte, intercalate da polistirolo da 3 cm. Il raggio di protezione è aumentando da 3.5 Km a 12 Km. (Buonissimo risultato)

Particolare costruttivo.

Nel secondo esperimento si sono usate 7 foto di Valvola Radionica, raggiungendo i 32 Km di raggio di protezione, ovvero 64 Km di diameto lateralmente.
Per le misure si è scelto di andare a Granarolo Faentino al fine di essere fuori dal campo di influenza dalla Va2011 installata ad Errano.

(HQ) Ecco i dati comparativi tra il dispositivo a 3 pile di foto e a 7 pile con foto non plastificate e polistirolo. I dati sono superlativi.

(Attenzione che le foto, con l'alta temperatura della plastificazione, perdono teoricamente il 40% delle loro capacità vibratorie, in pratica ho verificato solo un 15%)

Ecco il confronto sulle valvole sino ad ora prese in esame.
I dati stupefacenti della Valvola Radionica a 7 foto mi hanno fatto decidere di realizzare una versione immune dagli agenti atmosferici e roditori sostituendo il polistirolo con del legno tamburato e plastificando le foto sapendo in partenza che si sarebbero persi dei punti di attenuazione.

Ecco quanto relazionato nella conferenza di San Cesario sul Panaro e riascoltabile nella mia sezione documenti.

Non usare parti metalliche che influiscono sulle emissioni di onde di forma del dispositivo.

(HQ) Fate stampare 7 immagini da 1mt x 1mt come questa, scaricandola in alta definizione clikkando sull'immagine a fianco e poi salvando la foto su una chiavetta da portare al centro copie. Dovete chiedere di farvela stampare con un plotter a getto di inchiostro su un cartoncino di grammatura sui  120 grammi. Serve poi la plastificazione, per proteggere la foto dalle intemperie. Tale processo ne riduce leggermente l'operatività.

Per limitare la spesa, invece di usare legno massello per la sostituzione dei sei polistiroli, ho usato del tamburato di compensato 100x100x1cm bordato con listelli da 3x3cm e fissato con spine di legno e colla. Ho terminato con due mano di vernice trasparente da esterni.

Particolare del fissaggio con le spine e la colla.

Per tenere ferma la settima foto ho realizzato una cornice rinforzata 3x3cm con delle scanalature per far decorrere l'acqua piovana e la neve in scioglimento.

Rinforzo dell'angolo.

La costruzione in serie...

Tutte le parti in legno vanno protette dalle intemperie, con almeno 3 mano di vernice trasparente per imbarcazioni.

I picchetti verniciati per fermare la struttura e quelli per delimitare la zona di pericolo.

La preparazione e livellazione del terreno con i canali di scolo per l'acqua.

Il 27 luglio 2013 parto per il sito di stoccaggio, i pannelli sono stati colorati lateralmente con gli stessi colori della valvola, solo per finalità estetiche.

Arrivo a Brisighella (RA).

Ho cercato a Faenza chi mi ospitasse per collocare il neutralizzatore senza successo.
Ho quindi deciso di installarlo in una mia proprietà nei pressi di Brisighella, un campo lasciato incolto da anni dove vi riposano i cinghiali.


Mi accorgo ora della coincidenza numerica della posizione del sito scelto:
13 e 56 sono i miei dati di nascita...

Ci sono voluti due mesi di lavoro serale per realizzare il tutto con un costo complessivo di 414 Euri.
Dopo un anno di sperimentazione sono passato ai distanziali di polistirolo denso assemblando il dispositivo in poche ore e con un costo per una postazione tipo a 7 foto di soli 240 Euri.

(HQ) La zona di protezione da accumuli energetici di forze telluriche. Il dispositivo non è efficace per crolli di grotte o altro dovuto a reali movimenti di masse. Il dispositivo agisce come scaricatore verso il cielo di queste energie evitando l'innesco del terremoto, inoltre devia parzialmente le onde sismiche, provenienti da terremoti generati all'esterno della zona, realizzando di fatto un effetto tipo deviazione magnetica del campo dove transitano le onde sismiche producendo un'attenuazione della percezione sismica.

Il cartello con le avvertenze.
Per questa realizzazione bisogna stare ad almeno 30 mt di distanza pena seri problemi di salute se esposti complessivamente per più di qualche giorno.

Con dello spago ho legato insieme gli otto picchetti, ogni sei mesi serve ricontrollarli.


Attenzione, quando entra in funzione emette radiazioni pericolose a 350Bovis
Rimanete alla distanza di sicurezza di 30 Mt.


L'orientamento della fase II è a Nord tra il raggio arancione e quello giallo, le foto vanno messe sovrapposte con le stesse colorazioni. Nella fase III l'orientamento è stato cercato con metodo radiestesico e non combacia con quello impostato per la fase II.

(HQ) Ecco le specifiche dopo l'installazione del dispositivo.
Sino a 33 Km di raggio la protezione è totale 10 gradi Righter di attenuazione, poi si ottengono valori di riduzione da 2,40 gradi sino ai 0,20 a 150 km (valore comunque nobile in quanto corrisponde a un dimezzamento dell'energia liberata)
Rispetto alla versione non plastificata e con polistirolo si perde molto sul laterale passando a 90 km da 2.30 a 0,75 ° Righter di attenuazione.
Particolare.

La prima foto poggia direttamente sul terreno, poi sopra un primo pannello, altra foto orientata come la prima e così sino all'ultima cornice rossa che blocca il tutto.
 


 

Ho notato che dopo una settimana di esposizione ai raggi estivi, la foto esposta tende a perdere vivacità nei colori. La scelta di non coprire l'ultima foto è dettata da finalità estetiche, si potrebbe coprirla con un pannello di compensato tamburato da 1cm lo stesso usato per i pannelli e rimuoverlo durante eventuali visite.
 

Guarda il video sul Neutralizzatore a Torre che ho messo su YouTube

 

 

 

Nota bene:
La foto per costruire il dispositivo Radionico è cambiata!

Io in sottofondo sfumato e sfinito dai 38°C alla fine della posa. Il tutto realizzato da solo, senza alcun aiuto, come Pier Luigi Ighina, con una grande voglia di realizzare qualcosa di utile per noi tutti.


Volere è potere e il pensiero guidato e ispirato è potente e crea.

Il 10/08/2013 ho inserito una copertura per proteggere la 7^ foto dai raggi del sole.

Ho verificato che serve controllare, almeno ogni 6 mesi, lo stato delle foto e delle parti in legno, sostituendo le parti eventualmente rovinate.
Al fine di ridurre il deterioramento, è molto utile coprire il tutto con un telo di plastica.

Anche se i vegetali crescono regolarmente, bisogna stare alla larga dalle Valvole Radioniche, se posate a terra quindi attive. E' noto che ai gatti piace stare nei punti geopatici, li adorano, a noi invece vengono malanni, non tutti reagiamo allo stesso modo. Così pure i formiconi neri amano le geopatie. Ho trovato una colonia, formata da una cinquantina di esemplari, dentro all'ultimo pannello, e si erano portati avanti con le uova.

19/02/2014 0re 15:11 terminata II fase sperimentale. Dopo una lunga collaborazione di studio con Domenico C. (di Cambioilmondo.it da non confondersi con Domenico D. di Fortunadrago.it) per verificare l'operatività del suo dispositivo al fine di dimostrare che il neutralizzatore di terremoti di Ighina funziona, visto che le ricerche con il Domenico si erano incartate, ho deciso in autonomia di lavorare su un dispositivo Radionico a più ampio raggio d'azione utilizzando una foto della valvola donata all'associazione Bendandiana a dire del presidente della stessa di cui sono socio e a dire del Domenico solo alla famiglia Tavanti. Ora a 7 mesi da inizio sperimentazione, visto gli ottimi risultati ottenuti, il Domenico mi ha intimato di non utilizzare più la foto della valvola Va2011 in quanto solo lui ha i diritti. Ho chiesto di acquistarglieli ma mi è stato negato. La sperimentazione riprenderà al più presto con una foto più potente di altro costruttore.

(HQ) A ulteriore conferma del grado di protezione del dispositivo antisismico, domenica 16/3/2014 si sono registrate 3 scosse dentro l'area di protezione, di cui la maggiore di 3,2 gradi Righter, mentre il dispositivo non era in funzione.

Inizio 19/3/14 durata almeno un anno, vediamo se i dati reali migliorano le statistiche della fase II

(HQ) Dopo innumerevoli studi, ricerche e test sul campo Il 19 marzo 2014 alle 18:00 è iniziata la III fase sperimentale della  Torre Radionica. I dati di protezione saranno confermati o corretti dopo il prossimo anno di test, intanto i teorici sono: 36,5 km di raggio di protezione, rendimento sismico teorico innalzato al 63%

(HQ) Appena installata la valvola ha iniziato a funzionare e la cosa la si può verificare misurando i valori di vibrazione del terreno che si sono attestati a 270 Bovis, valore che ha impedito l'insorgenza di muffe all'interno della struttura, mentre a dispositivo senza foto, in un mese si è riempito di muffa.

In questa fase III il Nord è stato associato in maniera radiestesica ed è caduto sulla banda di colore Blù. Per ogni postazione serve ruotare la foto per ottenere la prestazione migliore.

Quando sono arrivato ho testato la vibrazione della struttura vuota che aveva contenuto le foto della fase II. Ho scoperto, con stupore, che vibrava a 3,4 Milioni di Bovis, chi è in grado di misurare la struttura lo faccia.

Ecco l'incremento di raggio di protezione in funzione delle foto e di un corretto orientamento:
1 4,5 km
2 6,8 km
3 10 km
4 15 km
5 18 km
6 26 km
7 34 km
8 36 km
9 38 km
10 40 km
11 41 km
12 43 km
13 46 km

Dall'esperienza della fase II ho visto che serve coprire l'ultima foto dai raggi del sole e l'intera struttura in legno con un telo di plastica per evitare le intemperie.

Come ho sempre precisato, quando il dispositivo è in funzione risulta pericoloso per la salute, per questa installazione la distanza teorica di protezione risulta di 31,5 mt, nella realtà ho visto che gli effetti disturbanti iniziano a 36 mt. Per proteggermi dai disturbi durante i lavori ho dovuto portare un cono protettore donatomi dal radiestesista Drei. Nella foto è verde ed è sul mio capo.

Chi è sensitivo sente la presenza sulla valvola di un camino o vortice energetico. Avvicinando il palmo della mano lo percepisco particolarmente freddo.

(HQ) Ecco le specifiche teoriche della Torre Neutralizzatrice di terremoti fase III estrapolate con la Radiestesia. Raggio di protezione 36,5 km con percentuale sismica del 63% (non tutti i sismi sono annullabili in questo caso su 100 37 permangono attenuati) fuori dalla zona protetta le onde sismiche vengono attenuate sino a terremoti generati a 130 Km.

 

Guarda il video sul nuovo Neutralizzatore a Torre che ho messo su YouTube

 

 

 

 

(HQ) Anche la stampa si è interessata alle mie ricerche. Una confidenza su futuri lavori ha creato un titolo giornalistico molto futuristico...
per ora, grazie a Pier Luigi ighina possiamo solo ridurli, non a parole ma coi fatti!
 

(HQ) La realizzazione del dispositivo in legno, richiede un mese di impegno post lavoro, qualche ora al giorno di luce e bel tempo per far asciugare il legno dall'impregnante. Volendo accorciare i tempi e permetterne la realizzazione in qualsiasi condizione di tempo ho predisposto questa variante in materiale impermeabile e di rapidissima realizzazione.
Si utilizzano delle lastre di PVC semiespanso compresso atto alla stampa diretta a getto d'inchiostro con inchiostri non diluibili con le intemperie. I distanziali sono realizzati sempre in PVC utilizzando banale canalina elettrica incollata nella parte senza foto.

Il primo maggio 2014 ho eseguito i test con esito positivo, per le foto sul nuovo materiale in PVC semiespanso compresso, presso v.Faentina a Ravenna nel parchetto vicino al caffè delle Ragazze, fuori dell'influenza della valvola brisighellese. Protezione sino a 5 km e riduzione dei sismi esterni alla protezione sino a 60 km di distanza. Costo della stampa circa 60 Euro.

Sala gremita a Modena Olistica il 6 Marzo 2014 dove ho presentato la Valvola Radionica.

Altro successo il 28 Marzo 2014, dove sono stato invitato sotto il Vesuvio, presso il "Circolo Massimo" di "Villa Bruno" a San Giorgio a Cremano. Presenti  oltre al pubblico locale le autorità e accademici di Napoli.
Le critiche ricevute dagli esperti del settore, i mie dati statistici, che a loro dire non possono garantire una continuità negli anni avvenire.

 

Guarda la mia relazione alla giornata di studi Radiestesici anno 2014 tenutasi a Ravenna e organizzata dall'Associazione Mosaico dove ho parlato delle Valvole Radioniche YouTube

 

 

 

 

L'associazione dei Comuni, tramite il Sig.Sindaco di Castel Bolognese ha chiesto un'incontro per capire e visitare la Valvola Antisismica Radionica. L'unedì 7 aprile 2014 ci siamo ritrovati sul posto per rispondere alle domande dei Sindaci, dell'associazione Bendandiana, della stampa e di colleghi Radiestesisti esperti nel settore.

(HQ) Ecco l'artico del corriere Romagna uscito a seguito dell'incontro.

I giornalisti a volte non la raccontano giusta! Sono stato a Napoli per una conferenza sulla valvola e gli accademici hanno sottolineato che le statistiche sono sì valide per il periodo di osservazione ma non vi è certezza sul futuro. E io aggiungo che comunque se la tendenza è quella i dati non dovrebbero modificarsi poi di tanto.

RISULTATI STATISTICI E RICERCA SUI PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO

(HQ)

Primo anno di statistiche.
Considerando che la capacità elaborativa di ISIDE in passato era molto limitata, la percentuale di rendimento sismico registrata andrebbe pesata  in proporzione.

 

Dati positivi sui test della valvola di Brisighella. In 3 anni, dopo la correzione parziale sulla capacità statistica pregressa di ISIDE, il rendimento si attesta al 57,20% in meno di scosse in un raggio di 30km.
Leggi i nuovi dati

(HQ) Ho ideato un foglio per annotare tutti i dati significativi di una postazione radionica onde evitare di controllare dati importanti.

Scarica la scheda

(HQ) Foglio per le verifiche di rendimento reale tramite il sito nazionale ISIDE. Il sito calcola i dati in base ad un quadrato di latitudine o longitudine, quindi volendo calcolare i terremoti dentro un quadrato di diagonale 60 km in Iside dovrò mettere 21.2km dalla località centrata sul quadrato (mezzo lato quadrato= diag/1.41 poi diviso 2). Ho scelto di raffrontare gli ultimi 25 anni di dati perchè dopo ne restano pochissimi e con pochi dati sul DB. Siccome la capacità elaborativa di Iside si è potenziata solo ultimamente, non ha senso pesare in egual modo annate con registrazioni di scosse 40 volte inferiori. Essendo impossibile aggiornare al giusto peso le statistiche ho scelto di considerare solo le scosse superiori a 1.99 gradi, in primis perchè, le inferiori  non pericolose, e per compensare parzialmente le poche registrazioni dei primi decenni del DB Iside.
Scarica la scheda

Nel riquadro una ricerca a 21.2 Km dal Comune di Montecassiano, dimostra come il sito Iside ricerca su base quadrata. Per fare le ricerche andate su ISIDE menù Entra in ISIDE e (Registrati la prima volta) altrimenti Login poi menù Terremoti e localizzazioni Gmaps dalla maschera imposta Data inizio e Data finale togli disabilita su magnitudo e imposta Min a 2.0 scegli Comune e distanza inserisci il Comune e come distanza i valori che trovi nella mia scheda, 28.3 x 40Km, 24.8 x 35Km, 21.2 x 30 Km, 17.7 x 25Km, 14.2 x 20Km, 10.6 x 15Km, 7.0 x 10Km. Ora seleziona Ricerche avanzate e togli disabilita su profondità e imposta la profondità massima come quella indicata nella mia tabella, la metà della diagonale del quadrato. Ora puoi dare Cerca, scrivi i valori per ogni annata e ripeti per ogni colonna.

(HQ) Per i Radiestesisti ho creato questo quadrante per misurare il raggio di protezione sismica.

 Ricordate di leggere sempre le avvertenze sull'uso dei quadranti.

(HQ) Controllando a più riprese il terreno vicino alla valvola, ho notato che i valori in Bovis cambiavano col tempo ed erano diversi in luoghi diversi. Quando si installa una valvola si ha un valore poi col funzionamento il valore sale ad indicare una minor necessità della stessa. Ho pertanto ideato un diagramma per i radiestesisti.
Il radiestesista Drei Giovanni mi ha donato questo dispositivo efficacissimo contro le geopatie, utile per proteggersi durante le visite alla valvola. Basta tenerlo in mano, sulla testa o vicino.

Scarica le istruzioni per la costruzione.

Scarica il foglio per ritagliarlo.

Ma cosa può ridurre, con prove scientifiche, le scosse telluriche del 52% sino a punte del 80% ?

Al momento lavoro su un'ipotesi che il mondo scientifico non può scartare: la stabilizzazione della gravità. Come socio della Bendandiana ho studiato i lavori dell'illustre compaesano Raffaele Bendandi. Lui ha sostenuto che i terremoti avvengono a causa delle influenze planetarie, come nel caso delle maree per la luna. L'allineamento dei pianeti provoca la modificazione della gravità localmente, inducendo una deformazione della parte liquida sotto il mantello terrestre e, a seconda della geologia della zona interessata, può generarsi un terremoto.

In internet è impossibile reperire informazioni sui dati di gravità, ho trovato questo documento del Gruppo Astrofili Polesani sullo studio della microgravità, dove si vede che al variare dei giorni la gravità insegue l'andamento della luna.

(HQ) Ho effettuato manualmente la misura della gravità nel periodo 6 settembre 4 ottobre 2013, periodo in cui la Valvola a torre era in funzione a 10 Km dal luogo di misura. I dati dimostrano che non vi sono apprezzabili variazioni dovuti alla luna. Mi sono accorto che manualmente misuravo il periodo sino a 6 cifre significative dopo la virgola, ma per verificare le influenze planetarie serve raggiungere almeno alle otto cifre significative. Ora devo costruirmi un Gravimetro elettronico capace di tale risoluzione.

(HQ) Elenco dei sismi con magnitudo di almeno 4 gradi Righter registrati in Italia dal gennaio 2012 (fonte ISIDE e il Meteo.it) e relativi dati metereologici medi del giorno.